30 settembre 2019 07:33

Il “nuovo” Hamlet

EVENTO HAMLET 1
EVENTO HAMLET 1

Con la regia di Sasà Neri e la direzione musicale di Giulio Decembrini, EsosTheatre – Il Teatro degli Esoscheletri debutta a Catania, al MUST Musco Teatro, sabato 2 novembre in doppia replica (ore 18 e ore 21, prevendita e biglietteria on line nei circuiti Box Office e Tickettando-TicketOne). “Hamlet The Black Gothic Tragedy” è il titolo dello spettacolo. In scena 32 performer del Teatro degli Esoscheletri, che mescolano prosa e danza, canto e musica (rigorosamente live) in quello che è stato definito “teatro totale”.
Special guest di “Hamlet” sarà la pittrice romana di origini siciliane Solveig Cogliani, che dipingerà in ciascuna delle repliche una tela ispirata dallo spettacolo. Con EsosTheatre l’artista ha già dato vita alle performance-monstre di 12 ore “Mothers’Colors” a Roma e “MC2” al Museo delle Trame Mediterranee di Gibellina per la Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo in collaborazione con la Fondazione Orestiadi. Ma anche, con Chiara Modica Donà dalle Rose, promosso da WISH nel cartellone BIAS, alle performance “Judas The Guess” al Teatro greco di Tindari, all’acropoli di Selinunte, al Teatro Sociale di Amelia.
Nuova drammaturgia molto pop e molto rock, il Teatro degli Esoscheletri è stato citato dalla Treccani (Libro dell’Anno 2017), è stato oggetto di tre tesi di laurea ed è stato definito, tra l’altro, “teatro totale” (Carlo Vulpio – Corriere della Sera), “teatro del presente, del passato e del futuro” (Mosè Previti – Lalleru Art World), “teatro capace di entrare nell’uomo” (Martha Michelini – Rai Vaticano), “teatro d’emozione” (Mariza D’Anna – La Sicilia), “teatro dinamico ed estremamente erotico” (Giuseppina Borghese – La Gazzetta del Sud”). Lo slogan del Teatro degli Esoscheletri è “noi siamo il tuo racconto”. La frase chiave è “non si va a vedere una performance di EsosTheatre; si va a viverla”.
In “Hamlet” Giacomo Cimino è protagonista nel ruolo del titolo, Martina La Rosa è Ofelia insieme con Simona Anastasio, Cristina Dainotti, Chiara Frisone, Lara Intelisano, Carol Minutoli e Ramona Muffari. E ancora: Leonardo Mercadante è lo spettro, Riccardo e Alice Ingegneri sono rispettivamente Re Claudio e Gertrude, Simone Siclari è Polonio, Gabriele Giliberto è Laerte, Marco Blandina è il becchino, la tragedia è interpretata da Viviana Romano, Giorgio Galipò è Fortebraccio, Ninetta Napoli è Orazio, Guildestern e Rosencramtz sono interpretati da Ferdinando Crisafulli e Carolina Bucalo, Alice Camardella rappresenta la fede, Damiano Gatto è il giullare, Dino Costa (anche fotografo e videomaker on stage) è Bernardo e Alberto Zaccaro è Rhum, Gaia Barilà, Marina Cacciola, Aurora De Domenico, Eleonora Mondello, Cristina Pulejo e Giuliana Quinci compongono la Compagnia, Sabrina La Bella, Maria Ferlazzo, Annalisa Manfredi ed Elisa Messina sono le dame. Nella colonna sonora dello spettacolo “Once upon a dream” di Lana del Rey, “La pulce d’acqua” di Branduardi, “You raise me up” di Josh Gobran, “There is a light” degli U2, “Murder song” di Aurora, “Another love” di Tom Odell, “A woman’s game” di Karliene, “Scarborough Fair” di Simon & Garfunkel. Il copione-puzzle stralcia suggestioni ovviamente da “Amleto” ma anche da “Macbeth” e “La tempesta”.

Articoli recenti

Il blog degli Esoscheletri > cartellone > Drammaturgia “multipla” per “Hamlet”